Mostra contenuti secondari Nascondi contenuti secondari

PELLEGRINAGGI DI FEDE CONVERSIONE PER TUTTI - GESù AL CENTRO - DATE E PROGRAMMI.

GIOVEDI 2 LUGLIO 2015 GIORNATA DI PREGHIERA .........................................VIA PO 45 TORINO

GIOVEDI 2 LUGLIO  2015 GIORNATA DI PREGHIERA  .........................................VIA PO 45 TORINO

Amici sofferenti e sani, Giovedi 2 Luglio 2015
1° Giovedi del mese
Cenacolo di Preghiera e S. Messa a Torino.
Ci troviamo, e invitiamo a pregare alle ore 15,00
nella Chiesa SS. Annunziata via Po 45 Torino.
Accoglienza, Preghiera di Intercessione Carismatica, Adorazione, Confessione, Suppliche alla Madonna, preghiera di Guarigione e Liberazione. Offriamo a Gesù e Maria la nostra piccola preghiera per noi per i nostri fratelli sofferenti per la S. Chiesa.
Siamo tutti invitati alla Preghiera e uniti alla Chiesa di Dio,
chiediamo e camminiamo nel Suo Amore, per i nostri fratelli i più bisognosi e sofferenti.
Alle ore 18,00 Santa Messa. La nostra Gioia, Gesù.
Siamo discepoli del Signore Gesù.
Vangelo Mc 12,28-34
Non c’è altro comandamento più grande di questi.
In quel tempo, si avvicinò a Gesù uno degli scribi e gli domandò: «Qual è il primo di tutti i comandamenti?».
Gesù rispose: «Il primo è: “Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l’unico Signore; amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza”. Il secondo è questo: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Non c’è altro comandamento più grande di questi».
Lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità, che Egli è unico e non vi è altri all’infuori di lui; amarlo con tutto il cuore, con tutta l’intelligenza e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso vale più di tutti gli olocausti e i sacrifici».
Vedendo che egli aveva risposto saggiamente, Gesù gli disse: «Non sei lontano dal regno di Dio».
E nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo.

Parola del Signore

Siamo discepoli del Signore Gesù.
Lo Spirito è «Persona-dono»
L'esistenza cristiana è intimamente segnata dalla «nube dello Spirito» (cf. Mt 17,5). È lo Spirito che porta i fedeli alla loro piena configurazione a Cristo. Ma, in cosa consiste, concretamente, la presenza dello Spirito Santo e qual è il significato dei suoi doni? La risposta è semplice: la vita cristiana, per svilupparsi e giungere a maturazione, esige una assistenza speciale dello Spirito santo e dei suoi doni. Il mistero profondo dello Spirito è quello di essere «dono»: «Si può dire che nello Spirito santo la vita intima del Dio uno e trino si fa tutta dono, scambio di reciproco amore tra le divine Persone, e che per lo Spirito santo Dio «esiste» a modo di dono. È lo Spirito Santo l'espressione personale di un tale donarsi, di questo essere amore. È Persona-amore. È Persona-dono» (Dominum et Vivificantem, n. 10).

Essendo Persona-dono lo Spirito è la sorgente di ogni dono creato, come la vita, la grazia, la carità: «L'amore di Dio è stato riversato nei nostri cuori per mezzo dello Spirito santo, che ci è stato dato» (Rm 5,5). Ed è Gesù che ha dato il suo Spirito come dono di vita nuova agli apostoli, alla chiesa, al mondo: «Innalzato alla destra di Dio e dopo aver ricevuto dal Padre lo Spirito Santo che egli aveva promesso, lo ha effuso, come voi stessi potete vedere e udire» (At 2,33). Queste parole di Pietro a Pentecoste, riecheggiano la sua esperienza pasquale. La sera della risurrezione, infatti, Gesù, apparendo agli apostoli, disse: «Ricevete lo Spirito Santo» (Gv 20,22). Anche a Pentecoste gli apostoli «furono pieni di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue, come lo Spirito dava loro il potere di esprimersi» (At 2,4). Tale pentecoste apostolica rifluisce su tutta l'umanità, in tutte le sue categorie di giovani e di anziani, di uomini e di donne. È lo stesso Pietro a spiegare, nel suo primo kérygma, che questa irruzione dello Spirito non fa che realizzare la profezia di Gioele:

«Io effonderò il mio Spirito sopra ogni persona; i vostri figli e le vostre figlie profeteranno, i vostri giovani avranno visioni e i vostri anziani faranno dei sogni. E anche sui miei servi e sulle mie serve in quei giorni effonderò il mio Spirito ed essi profeteranno» (At 2,17-18).

Il dono dello Spirito significa vocazione alla profezia da parte dei figli e delle figlie, dei servi e delle serve; significa chiamata a seguire grandi ideali («visioni») da parte dei giovani e ad avere sogni profetici da parte degli anziani. L'effusione dello Spirito a Pentecoste realizza anche la profezia di Ezechiele:

«Vi prenderò dalle genti, vi radunerò da ogni terra e vi condurrò sul vostro suolo. Vi aspergerò con acqua pura e sarete purificati; io vi purificherò da tutte le vostre sozzure e da tutti i vostri idoli; vi darò un cuore nuovo, metterò dentro di voi uno spirito nuovo, toglierò da voi il cuore di pietra e vi darò un cuore di carne. Porrò il mio spirito dentro di voi e vi farò vivere secondo i miei statuti e vi farò osservare e mettere in pratica le mie leggi. Abiterete nella terra che io diedi ai vostri padri; voi sarete il mio popolo e io sarò il vostro Dio. Vi libererò da tutte le vostre impurità: chiamerò il grano e lo moltiplicherò e non vi manderò più la carestia» (Ez 36,24-29).

Lo Spirito è cioè dono di comunione, è acqua di purificazione, è cuore di carne, è novità, è obbedienza, è appartenenza e fedeltà a Dio, è abbondanza di beni.

MEDJUGORJE FESTIVAL DEI GIOVANI 2015

MEDJUGORJE  FESTIVAL DEI GIOVANI 2015

                            PELLEGRINAGGIO A MEDJUGORJE

                           con il Sacerdote

                       FESTIVAL DEI GIOVANI

                 Dal 31  Luglio al 5/6 Agosto 2015

  

 

1° giorno

Partenza dai luoghi convenuti in serata con soste in Autogrill lungo il percorso,   cena libera. Notte in viaggio.            

2° giorno

Colazione libera in Autogrill, arrivo a Medjugorje in mattinata e sistemazione nelle camere riservate. Pensione completa in hotel. Inizio del programma di visite e religioso di preghiera con guida.                                    

3° e 4° 5°giorno

Continuazione del programma di visite e religioso in base al calendario delle iniziative previste dalla parrocchia e alle disponibilità dei veggenti: salita sulla collina delle Apparizioni, Via Crucis sul Krizevac. Partecipazione all'Apparizione del 2 della veggente Mirjana. Attività delle Giornate di animazione del Festival dei Giovani organizzate dal Santuario S. Giacomo. Visita alle Comunità del luogo Programma serale: S.Rosario-S.Messa Internazionale–Preghiera di Guarigione – Adorazione Eucaristica.

6°giorno

Colazione Saluto al Santuario e in mattinata partenza per il ritorno, soste lungo il percorso e pranzo libero. Arrivo in tarda serata ai luoghi di partenza.

 

Quota di partecipazione € 275

Acconto alla prenotazione € 100 – Saldo 20 giorni prima della partenza - Minimo 40 partecipanti

 

Documenti necessari: CARTA DI IDENTITA’ valida senza timbro di rinnovo.

 Oganizzazione Tecnica  TOUR OPERATOR A.M

                       www.pellegrinaggitorino.it

per informazioni Enio tel: 331 3753151

                                    tel: 338 5359568

                                     tel: 011 6800330

 

le vostre intenzioni di preghiera

L'interessato letta l'informativa sotto riportata accetta espressamente la registrazione ed il trattamento dei propri dati che avverrà premendo il tasto 'Invia'.
Leggi l'informativa ai sensi dell'art. 13 del D.lgs 196/03

Gesù dice: il principe di questo mondo (satana) contro di me non può nulla.

Gesù dice: il principe di questo mondo (satana) contro di me non può nulla.

Con Gesù, con la Chiesa, siamo al sicuro.

VANGELO (Gv 14,27-31a)
Vi do la mia pace.
+ Dal Vangelo secondo Giovanni
In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:

«Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi.
Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore. Avete udito che vi ho detto: "Vado e tornerò da voi". Se mi amaste, vi rallegrereste che io vado al Padre, perché il Padre è più grande di me. Ve l'ho detto ora, prima che avvenga, perché, quando avverrà, voi crediate.
Non parlerò più a lungo con voi, perché viene il prìncipe del mondo; contro di me non può nulla, ma bisogna che il mondo sappia che io amo il Padre, e come il Padre mi ha comandato, così io agisco».
Parola del Signore.

VANGELO (Mt 8,1-4)
Se vuoi, tu puoi purificarmi.
+ Dal Vangelo secondo Matteo
Quando Gesù scese dal monte, molta folla lo seguì. Ed ecco, si avvicinò un lebbroso, si prostrò davanti a lui e disse: "Signore, se vuoi, puoi purificarmi".
Tese la mano e lo toccò dicendo: "Lo voglio, sii purificato!". E subito la sua lebbra fu guarita.
Poi Gesù gli disse: "Guardati bene dal dirlo a qualcuno; va' invece a mostrarti al sacerdote e presenta l'offerta prescritta da Mosè come testimonianza per loro".
Parola del Signore.

PREGHIAMO

PREGHIAMO

Vangelo

secondo Giovanni - 1

1In principio era il Verbo,
e il Verbo era presso Dio
e il Verbo era Dio.
2Egli era, in principio, presso Dio:
3tutto è stato fatto per mezzo di lui
e senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste.
4In lui era la vita
e la vita era la luce degli uomini;
5la luce splende nelle tenebre
e le tenebre non l’hanno vinta.
6Venne un uomo mandato da Dio:
il suo nome era Giovanni.
7Egli venne come testimone
per dare testimonianza alla luce,
perché tutti credessero per mezzo di lui.
8Non era lui la luce,
ma doveva dare testimonianza alla luce.
9Veniva nel mondo la luce vera,
quella che illumina ogni uomo.
10Era nel mondo
e il mondo è stato fatto per mezzo di lui;
eppure il mondo non lo ha riconosciuto.
11Venne fra i suoi,
e i suoi non lo hanno accolto.
12A quanti però lo hanno accolto
ha dato potere di diventare figli di Dio:
a quelli che credono nel suo nome,
13i quali, non da sangue
né da volere di carne
né da volere di uomo,
ma da Dio sono stati generati.
14E il Verbo si fece carne
e venne ad abitare in mezzo a noi;
e noi abbiamo contemplato la sua gloria,
gloria come del Figlio unigenito
che viene dal Padre,
pieno di grazia e di verità.
15Giovanni gli dà testimonianza e proclama:
«Era di lui che io dissi:
Colui che viene dopo di me
è avanti a me,
perché era prima di me».
16Dalla sua pienezza
noi tutti abbiamo ricevuto:
grazia su grazia.
17Perché la Legge fu data per mezzo di Mosè,
la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.
18Dio, nessuno lo ha mai visto:
il Figlio unigenito, che è Dio
ed è nel seno del Padre,
è lui che lo ha rivelato.

I CARISMI, I DONI DELLO SPIRITO SANTO, L'UMILTA' DI ESSERE SERVO DI DIO

I CARISMI, I DONI DELLO SPIRITO SANTO, L'UMILTA' DI ESSERE SERVO DI DIO

....................................“E a ciascuno è data una manifestazione particolare dello Spirito per l’utilità comune:
a uno viene concesso dallo Spirito il linguaggio della sapienza; a un altro, invece, per mezzo dello stesso Spirito, il linguaggio della scienza;
a uno la fede per mezzo dello stesso Spirito;
a un altro il dono di far guarigioni per mezzo dell’unico Spirito; a uno il potere dei miracoli;
a un altro il dono della profezia; a un altro il dono di distinguere gli spiriti;
a un altro le varietà delle lingue; a un altro infine l’interpretazione delle lingue.
“(1 Cor 12,7-l1).

I carismi in senso stretto, come dice San Paolo, non vengono dati per l’utilità personale, ma per l’utilità comune.
Sono definiti “gratiae gratis datae”, grazie date del tutto gratuitamente e indipendentemente dalla santità personale.
Per questo i carismi in senso stretto possono essere elargiti anche ad un peccatore e perfino ad un pagano, come avvenne per Balaam, che predisse il sorgere di una stella per la nascita del Messia (Nm 24,17) e addirittura per la sua asina che profetò (Nm 22,28-33; Pt 2,16).
Proprio perché vengono dati indipendentemente dalla santità personale non sono oggetto di merito. Ad esempio: uno può pregare per ottenere un miracolo, ma non può meritarlo.
Si afferma inoltre che non sono soggetto di merito: questo significa che profetando o compiendo un miracolo, uno non compie un atto meritorio, perché nel compiere il prodigio è più passivo che attivo.
Per questo per la perfezione e santificazione personale vale immensamente di più il più piccolo atto di carità che il compimento del più grande miracolo.
Infine i carismi in senso stretto sono del tutto a vantaggio della comunità. Per questo “il giudizio sulla loro genuinità e retto uso spetta all’Autorità Ecclesiastica, alla quale spetta soprattutto di non estinguere lo Spirito, ma di esaminare tutto e ritenere ciò che è buono (1 Ts 5,12, e 19-21)” (LG 12).

 

Santa Pasqua del Signore Gesù, a tutti.

Santa Pasqua del Signore Gesù, a tutti.

Insieme a Gesù ritroviamo la Vita!
Insieme.., all'Amore di Gesù per noi.
Insieme a Gesù, risorgiamo con Lui.
E' Gesù, che fà risorgere le nostre vite.
Chiediamo a Gesù, di aiutarci a Risorgere con Lui.
Con Gesù risorgiamo dalla morte.
CANTO AL VANGELO (cf. 1Cor 5,7-8)
Alleluia, alleluia.
Cristo, nostra Pasqua, è stato immolato:
facciamo festa nel Signore.
Alleluia.
VANGELO (Gv 20,1-9)
Egli doveva risuscitare dai morti.
 Dal Vangelo secondo Giovanni
Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro.
Corse allora e andò da Simon Pietro e dall'altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l'hanno posto!».
Pietro allora uscì insieme all'altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l'altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.
Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario - che era stato sul suo capo - non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.
Allora entrò anche l'altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti.
Parola del Signore

Angelus Domini... Soave Canto preghiera

PREGHIERA DI INTERCESSIONE E S. MESSA

PREGHIERA DI INTERCESSIONE E S. MESSA

 
PREGHIERA DI INTERCESSIONE E PENITENZA.

 

LA PACE DEL CUORE E DELLO SPIRITO.
UN CAMMINO, UNA BATTAGLIA PER RAGGIUNGERE IL TRAGUARDO DELLA VITTORIA CHE SOLO DIO CI DONA.

Il Carisma della Preghiera di Intercessione.

Una Grazia un Dono che ci offre il Signore Dio, attraverso la Preghiera otteniamo Grazie su Grazie, Guarigioni e Liberazioni, Conversioni e Amore al Signore Gesù. Con Maria Santissima potentissima Mediatrice di Grazie, Consolatrice e Aiuto dei Cristiani, incontriamo Dio, Amiamo Dio, Adoriamo Dio, Ringraziamo Dio per tutto l'Amore che Lui ci Dona.
Il nostro impegno, la preghiera, la supplica, l'Adorazione, il cammino di Fede, la vita con i Sacramenti, secondo le Leggi del Signore. Il vivere in armonia con la Santa Chiesa, seguire i Suoi insegnamenti e per ottenere: Miracoli e Guarigioni del corpo e dello spirito, secondo la Sua Santa volontà, che Dio, solo Lui conosce.
Un mistero, per noi piccoli uomini.
La lebbra del peccato, la malattia spirituale e fisica, scompare quando, Dio ne ha compassione, ed è cosa buona, secondo i Suoi imperscrutabili disegni di Amore per noi, suoi figli.
Grazie Gesù.

 

 _____________________________________________

OGNI 1°  GIOVEDI DEL MESE

OGNI 3° VENERDI DEL MESE

E IN ALTRE GIORNATE IN OCCASIONI DI FESTE RICORRENZE E FESTIVITA' DELLA CHIESA CATTOLICA

INIZIO DELL' INCONTRO DI PREGHIERA ORE 15

CHIESA SS. ANNUNZIATA VIA PO 45 TORINO

"CAPPELLA DELL' ADDOLORATA"

SANTO ROSARIO MEDITATO

CORONCINA DELLA DIVINA MISERICORDIA

LA PAROLA DI DIO -  LETTURA BRANI BIBLICI

PREGHIERE E SUPPLICHE D' INTERCESSIONE 

PER I SOFFERENTI NEL CORPO E NELLO SPIRITO

ADORAZIONE EUCARISTICA

SACRAMENTO DELLA CONFESSIONE

CANTI E LODI

SANTA MESSA ORE 18

---------------------------------------------

INVITIAMO TUTTI  E PARTECIPIAMO 

INCONTRI QUINDICINALI 

CORONCINA DELLA DIVINA MISERICORDIA

BELLISSIMA PREGHIERA DI INTERCESSIONE SANTO ROSARIO

LUNEDI  ..... 2015 

 

 AL SANTUARIO DELLA CONSOLATA  

 ALLE ORE 15 GRUPPO DI PREGHIERA  PADRE PIO

NELLA  "CAPPELLA DELLE GRAZIE" DEL SANTUARIO

 

TORINO - MEDJUGORJE

TORINO - MEDJUGORJE

STIAMO ORGANIZZANDO E DEFINENDO

PELLEGRINAGGI A MEDJUGORJE ANNO 2015

QUOTA DI PARTECIPAZIONE 250 EURO COMPRESA ASSICURAZIONE MEDICO/BAGALIO

(AL RAGGIUNGIMENTO DI 40 PELLEGRINI).

PENSIONE COMPLETA.  ASSICURAZIONE MEDICO/BAGAGLI

N.B:   SONO DA CONSIDERARSI POSSIBILI VARIAZIONI E DATE  PER CAUSE NON PREVEDIBILI.

N.B:   SI ACCETTANO GRUPPI/PARROCHIANI/ASSOCIAZIONI  GIA' PRECOSTITUITI  CON PROGRAMMI              E DATE DA PIANIFICARE IN BASE ALLE POSSIBILITA' E DISPONIBILITA  DEGLI ALBERGHI

 

BUS G.T. ALBERGO DI PRESTIGIO VICINO IL SANTUARIO S. GIACOMO,                                                         PARTENZA DA TORINO E PUNTI DI SALITA DURANTE IL PERCORSO.

GUIDA SPIRITUALE E/O SACERDOTE SE DISPONIBILE.

PROGRAMMA DEL PELLEGRINAGGIO SPIRITUALE CON GLI INCONTRI NEL SANTUARIO LA SANTA MESSA QUOTIDIANA E GLI INCONTRI NELLE COMUNITA' PRESENTI A MEDJUGORJE - I VEGGENTI PRESENTI -    IL MONTE DELLE APPARIZIONI - IL MONTE KRIZEVAC - IL CRISTO RISORTO - E ALTRE ESPERIENZE DEL LUOGO. CAMMINO DI PREGHIERA E DI CONVERSIONE.

Facebook: Cuore di Misericordia Maria

L'interessato letta l'informativa sotto riportata accetta espressamente la registrazione ed il trattamento dei propri dati che avverrà premendo il tasto 'Invia'.
Leggi l'informativa ai sensi dell'art. 13 del D.lgs 196/03

LITANIE DEI SANTI - PROTEGGI I TUOI FIGLI SIGNORE

INTERVISTA A DON GABRIELE AMORTH (molto interessante)

INTERVISTA A DON GABRIELE AMORTH (molto interessante)

INTERVISTA A DON GABRIELE AMORTH

Mercoledì 28 gennaio, con alcuni della mia Comunità, sono andato a Roma da don Gabriele Amorth, il più grande esorcista di questi ultimi anni. Ecco l’intervista che ci ha rilasciato per “CORRI DIETRO AL TUO CUORE”. “I carismatici e le celebrazioni carismatiche spesso danno fastidio. Lo provo anche sulla mia pelle. Perché?”. Perché alcuni vescovi e preti non conoscono il Vangelo. Leggano Marco 16,17:”E questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno i demoni”. Giovani o vecchi, tutti possono cacciare i demoni. Caterina da Siena era una “cacciatrice” di demoni; eppure non era né un prete e neppure un esorcista. Perché? Durante i primi tre secoli di cristianesimo non esistevano esorcisti. Tutti potevano fare esorcismi e questa era una via per cristianizzare le persone. Santa Caterina diceva:”Se tutti preghiamo nel nome di Gesù, possiamo liberare le persone dal demonio. Invocate i vostri dei, invocate i vostri imperatori, ma voi non potrete liberare nessuno”. Siccome c’erano dei ciarlatani che si spacciavano per esorcisti, ecco che verso il quarto secolo, la Chiesa ha istituito l’esorcistato, limitandolo ai sacerdoti che hanno l’autorizzazione dei vescovi. Questo però non toglie che anche altri avessero il diritto e il potere per cacciare i demoni. Per distinguere la preghiera di altri esorcisti da quella di esorcisti autorizzati, veniva chiamato esorcismo la preghiera fatta dal sacerdote autorizzato dal vescovo e preghiera di guarigione e di liberazione quella fatta da laici o da sacerdoti non esorcisti. Tutto è corri dietro al tuo cuore 17 sempre stato legittimo. Fino al settimo secolo vi era abbondanza di esorcisti con i quali collaboravano altri sacerdoti che potevano imparare anche loro. Poi c’è stato il crollo! Ad un certo punto si è quasi dimenticato l’esorcistato. Io mi sono accorto quando nel 1986 sono stato nominato esorcista. Mi ricordo che un demonologo e famoso teologo, padre Corrado Balducci, diceva che allora in Italia gli esorcisti erano 18-20. Il vuoto! Ho pubblicato in uno dei miei libri la testimonianza di un professionista, padre di famiglia, che aveva la moglie veramente posseduta e per ben dieci anni ha fatto il giro dei vescovi italiani per chiedere di nominare un esorcista. Non vi dico quante porte sbattute in faccia e quante umiliazioni. Alcuni vescovi gli ripetevano: ”Ma tu credi ancora a queste cose?” . In tutti i miei libri ho cercato di aprire gli occhi ai vescovi e ai preti che non credono alla realtà del demonio. In quegli anni ho fondato anche l’Associazione degli esorcisti e penso che oggi in Italia abbiamo almeno 350 esorcisti. Sono ancora pochi perché ci sono alcune diocesi che non hanno neppure un esorcista. Ci sono ancora molti preti che non credono a questa realtà. Quando uscì il 18 corri dietro al tuo cuore nuovo Rituale per gli esorcismi scritto da un gruppo di cardinali che non avevano mai visto e mai fatto esorcismi, questo gruppo di cardinali rifiutò con disprezzo che tra i consultori, prima di far uscire questo documento, ci fossero anche alcuni esorcisti, senza potere di decidere, ma almeno per dare dei consigli. Il nuovo Rituale uscì con due erroracci terribili che praticamente annullavano gli esorcismi. Con tutte le mie forze mi sono scagliato contro questo documento: ne ho parlato in tv, ne ho scritto sui giornali e in certe riviste, attraverso internet. Sono stati costretti a ripetere il “mea culpa” e a far uscire un nuovo documento corretto, senza quei due errori. Ecco che cosa succede quando abbiamo a che fare con vescovi e cardinali che non credono! Quei due errori erano stati combattuti anche dal Nuovo Catechismo della Chiesa Cattolica, quindi quei cardinali dimostravano di non conoscere il Nuovo Catechismo e vi assicuro che l’ho rinfacciato loro. Tra questi cardinali c’era anche Ratzinger che ebbe il buon senso e l’umiltà di consultarmi tre volte. Io ho il resoconto delle discussioni su questo documento e vi leggo che quando il cardinale Ratzinger interveniva, i suoi interventi non erano accettati. Non dimentichiamo che il cardinale Ratzinger è stato il principale autore del Nuovo Catechismo della Chiesa Cattolica. Tutti suoi interventi furono bocciati! “Ho dato una intervista al TIRRENO, un quotidiano nazionale, sul demonio e le preghiere di liberazione. Alcuni mi dicono che sono troppo fissato con il demonio. Io rispondo che è lui che è fissato con di me”. Non capiscono nulla. In uno dei miei libri ho pubblicato un incontro che ho avuto con un cardinale. Quel cardinale mi diceva che il demonio non esiste. Avevo quasi voglia di dargli uno schiaffo, ma di quelli grossi. Gli ho dato lo schiaffo più piccolo. Lo schiaffo grosso era quello che aveva detto Papa Paolo VI nel famoso discorso del 1972 AFFERMAVA: ”Chi non crede nel demonio è fuori della Chiesa”. Al cardinale ho detto:”Le consiglio un libro molto interessante. E’ un libro che parla di queste cose”. Il cardinale insisteva per sapere di quale libro si trattava. Gli ho detto: ”Questo libro è il vangelo. Lo legga!”. “Che cosa dice a chi accetta questo combattimento contro il male e il maligno?”. Tu segui il vangelo. Ti contestano? Hanno contestato anche Gesù. Allora, accetta le contestazioni come le accettava Gesù. Soprattutto non mollare corri dietro al tuo cuore 19 perché sei nella linea del vangelo. “Non ha mai avuto qualche rimpianto nel suo ministero? Potevo fare di più…” Assolutamente! Mi batto da più di 30 anni e continuo ad accogliere le persone, mattino, pomeriggio e anche alla domenica. Una volta riuscivo a fare un mese in montagna. Ora sono in infermeria ma continuo ad accogliere le persone. Io ringrazio il Signore da quando ho ricevuto questo ministero di esorcista perchè ho sentito più completo il mio sacerdozio. Dico però con schiettezza che ho studiato molto queste cose, soprattutto confrontandomi con il vangelo, con la storia della Chiesa. Nel suo ministero Gesù per prima cosa si umilia sino ad accettare un battesimo di penitenza davanti a Giovanni che protesta e poi va nel deserto a combattere con satana, il suo nemico che ha sempre combattuto sino alla fine. Perfino sulla croce l’ha combattuto. Durante l’ultima cena prima di andare nell’orto degli ulivi, Gesù fa quella che è chiamata la preghiera sacerdotale chiedendo per i suoi Apostoli: ”Padre, custodiscili dal maligno”. Anche il Padre Nostro va corretto perché come dice il Nuovo Catechismo della Chiesa Cattolica, noi dobbiamo chiedere al Padre non soltanto che ci liberi dal male ma anche dal 20 corri dietro al tuo cuore maligno, che è poi satana. Nel primo capitolo del vangelo di Marco abbiamo ben tre interventi di Gesù contro il demonio. E il primo potere che Gesù offre agli Apostoli è quello di cacciare i demoni. Il vangelo parla continuamente di questa lotta contro lo spirito del male. Leggete il vangelo e state con l’insegnamento della Chiesa. L’insegnamento della chiesa in questa materia c’è sempre stato, anche se dobbiamo riconoscere che gli esorcisti non bastano. Sono necessari i gruppi di preghiera dove si fanno le preghiere di liberazione. Dove scarseggiano o neppure ci sono gli esorcisti, ci vogliono i gruppi che fanno le preghiere di liberazione. Quando esercitavo come esorcista con padre Candido, venne da me un medico dalla Svizzera; era un medico famoso perché aveva trovato una medicina contro la sclerosi a placche, una medicina che non guariva ma curava. Questo medico aveva fatto il giro di tutti i vescovi della Svizzera per trovarne uno che nominasse un esorcista. Nessuno! Allora è venuto a incontrarmi qui a Roma. Ci sono persone dall’Australia che vorrebbero venire a Roma per ricevere un esorcismo. Questa degli esorcisti è una carenza grave nella Chiesa. Dobbiamo riconoscere che abbiamo imparato dai Pentecostali, quando un gruppo di giovani americani sono andati ad assistere a un preghiera di liberazione in una chiesa pentecostale e hanno visto che cacciavano i demoni. Allora hanno incominciato anche loro. Dopo è iniziato nel mondo intero il grande movimento del Rinnovamento Carismatico Cattolico. E’ provvidenziale, benedetto, benedetto questo movimento. “Dobbiamo prepararci al ritorno di Cristo, oppure alla realizzazione di qualche segreto di Medjugorje o di Fatima?” Dobbiamo prepararci all’attuazione dei segreti di Medjugorje e di Fatima. A Fatima il terzo segreto, che non è stato pubblicato integralmente, già ne parlava. E Papa Giovanni Paolo II ne ha parlato anche a Fulda, poi purtroppo ha dovuto imparare anche a tacere, perché anche il Papa deve stare attento. I segreti di Medjugorje e quelli di Fatima terminano tutti con queste parole: ”Alla fine il mio cuore immacolato trionferà e ci sarà un periodo di pace per tutta l’umanità”. Anch’io aspetto il trionfo del cuore immacolato di Maria. Non stiamo andando verso la morte del mondo, anche se vi saranno dei castighi, perché come dice la Madonna a Medjugorje oggi il mondo è peggiorato da quando lei ha incominciato a manifestarsi. corri dietro al tuo cuore 21 “Ne sento tante e ne leggo tante di cose belle e meno belle su Papa Francesco. Lei come vede questo Papa? E’ veramente obbedito dal clero?”. E’ un grandissimo Papa ma dobbiamo stare attenti con i giornalisti. Ad esempio gli hanno attribuito delle affermazioni riguardo alla riforma della Comunione per i divorziati risposati. Il Papa aveva detto semplicemente:”Voglio un Sinodo sulla famiglia”. Qualche vescovo ha incominciato a dire che finalmente il Papa darà la Comunione a tutti. Ma il Papa questo non l’ha detto, anzi, per essere chiaro ha detto:”Io sarò fedele alla dottrina della Chiesa”. E’ un Papa stupendo ma gli fanno dire delle cose che lui non ha mai detto. “Papa Francesco è in pericolo?”. Sì, quando gli è stato chiesto se non aveva paura di morire per un attentato, ha risposto che non ha paura. E’ un Papa che si lancia e ho l’impressione che ha già avuto successo più lui che Giovanni Paolo II. In occasione del suo pellegrinaggio nelle Filippine, più di sette milioni di fedeli l’hanno seguito nonostante che avesse sempre piovuto. E’ un Papa straordinario! Questo è il Papa che ci ha dato lo Spirito Santo.

PROSSIMI INCONTRI

*DOMENICA 15: PARROCCHIA SS. IPPOLITO E CASSIANOVIA PRINCIPALE N. 25-RIVA DI SOLTO (BG)-ORE 15 - INFO: DOMENICO 3339.6639632 MONICA: 347.8481851

*MARTEDI 17: CIMITERO DI MEDESANO (PR) IN RICORDO DEL 10° ANNIVERSARIO DI PADRE EMANUELE. ORE 16. *SABATO 21: GHERGHENZANO (BO) ORE 15

*DOMENICA 22: GHERGHENZANO (BO) ORE 10 *DOMENICA 22: MESTRINO (PD) ORE 14

*MERCOLEDI 25: SOLENNE CELEBRAZIONE NELLA CHIESA DELLA SS. ANNUNZIATA A PONTREMOLI-ORE 21

*DOMENICA 29: DESIO (MI) VIA DON STURZO-EX INCENERITORE-ZONA INDUSTRIALEORE 15 CELEBRAZIONI DI DON BEPPINO GRUPPO “ROVETO ARDENTE”

Papa Francesco, che fin dai primi discorsi ha sempre parlato del diavolo proprio perché sa che c’è necessità di parlarne. “Una benedizione per i nostri gruppi di preghiera”. Con i gruppi di preghiera benedico il mio carissimo amico don Beppino. Che il Signore e Maria Santissima proteggano tutti questi gruppi di preghiera e proteggano don Beppino. Sappiamo che tanti santi sono stati perseguitati proprio dalle persone che dovevano incoraggiarli. E sono diventati santi anche attraverso la sofferenza dell’incomprensione. Se don Beppino ha qualche sofferenza, è giusto, perché le ha avute anche Gesù.

SE TU M'ACCOGLI

RINGRAZIAMO DIO

RINGRAZIAMO DIO

Grazie Dio per le tue Meraviglie.

Grazie per la Vita e tutto il Creato.

Proteggi il Tuo popolo in cammino, donaci il Tuo Amore.

Amen

LA PAROLA DI DIO SIA LA NOSTRA LUCE DELL'ANIMA

LA PAROLA DI DIO SIA LA NOSTRA LUCE DELL'ANIMA


Lodiamo e ringraziamo il Signore Dio, Padre Creatore di tutte le cose.

TE DEUM

Noi ti lodiamo, Dio,
ti proclamiamo Signore.
O eterno Padre,
tutta la terra ti adora.
A te cantano gli angeli
e tutte le potenze dei cieli:
Santo, Santo, Santo
il Signore Dio dell'universo.
I cieli e la terra
sono pieni della tua gloria.
Ti acclama il coro degli apostoli
e la candida schiera dei martiri;
le voci dei profeti si uniscono nella lode;
la santa Chiesa proclama la tua gloria,
adora il tuo unico Figlio
e lo Spirito Santo Paraclito.
O Cristo, re della gloria,
eterno Figlio del Padre,
tu nascesti dalla Vergine Madre
per la salvezza dell'uomo.
Vincitore della morte,
hai aperto ai credenti il regno dei cieli.
Tu siedi alla destra di Dio, nella gloria del Padre.
Verrai a giudicare il mondo alla fine dei tempi.
Soccorri i tuoi figli, Signore,
che hai redento col tuo Sangue prezioso.
Accoglici nella tua gloria
nell'assemblea dei santi.
Salva il tuo popolo, Signore,
guida e proteggi i tuoi figli.
Ogni giorno ti benediciamo,
lodiamo il tuo nome per sempre.
Degnati oggi, Signore,
di custodirci senza peccato.
Sia sempre con noi la tua misericordia:
in te abbiamo sperato.
Pietà di noi, Signore,
pietà di noi.
Tu sei la nostra speranza,
non saremo confusi in eterno.
Siamo tutti invitati a Lodare

SCENDI O SPIRITO SANTO, SCENDI SU QUESTI TUOI FIGLI........RUAH....

TORINO LA NOSTRA CITTA'

TORINO LA NOSTRA CITTA'

LA NOSTRA DIOCESI TORINO

SALMO RESPONSORIALE (Dal Salmo 95)


R. Ecco, il nostro Dio viene con potenza.
Cantate al Signore un canto nuovo,
cantate al Signore uomini di tutta la terra.
Cantate al Signore, benedite il suo nome,
annunciate di giorno in giorno la sua salvezza.
In mezzo alle genti narrate la sua gloria,
a tutti i popoli dite le sue meraviglie.
Dite tra le genti: "Il Signore regna!"
Egli giudica i popoli con rettitudine.
Gioiscano i cieli, esulti la terra,
risuoni il mare e quanto racchiude;
sia in festa la campagna e quanto contiene,
acclamino tutti gli alberi della foresta.
Esultino davanti al Signore che viene:
sì, egli viene a giudicare la terra;
giudicherà il mondo con giustizia
e nella sua fedeltà i popoli. 

TORINO SANTUARIO SANTA MARIA DI PIAZZA

  TORINO SANTUARIO SANTA MARIA DI PIAZZA

OGNI 2° VENERDI DEL MESE "NOTTE DI PREGHIERA"

ORE 20,30 SANTO ROSARIO

ORE 21,00 SANTA MESSA

DALLE ORE 22,00 ALLE ORE 6 NOTTE DI ADORAZIONE

PREGHIAMO PER LE VOCAZIONI SACERDOTALI E RELIGIOSE,

PER I SEMINARISTI PER LA DIOCESI DI TORINO

SANTUARIO DEL SS. SACRAMENTO "SANTA MARIA DI PIAZZA"

TORINO VIA SANTA MARIA N. 4

 

 

PELLEGRINAGGI A LOURDES - MEDJUGORJE....

PELLEGRINAGGI A LOURDES - MEDJUGORJE....

STIAMO PREPARANDO UN NUOVO CALENDARIO 2O15 CON TUTTI I PROGRAMMI DEI PELLEGRINAGGI A MEDJUGORJE  - LA SALETTE  - LAUS  - S. GIOVANNI ROTONDO.....E ALTRI SANTUARI

ORGANIZZAZIONE TECNICA  -  AGENZIA VIAGGI 

PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI

TEL: 3313753151

preghieraamaria@libero.it

 

 

ASCOLTA ISRAELE

le vostre testimonianze

L'interessato letta l'informativa sotto riportata accetta espressamente la registrazione ed il trattamento dei propri dati che avverrà premendo il tasto 'Invia'.
Leggi l'informativa ai sensi dell'art. 13 del D.lgs 196/03

Benedici il Signor, anima mia..........

Ringraziamo il Signore che ci Dona Maria, lei ci prende per mano e ci porta a Gesù.

Ringraziamo il Signore che ci Dona Maria, lei ci prende per mano e ci porta a Gesù.

La Madonna è Madre di tutti gli uomini. 
La Madonna la più grande Dispensatrice di         Grazie.
La Madonna la più grande Mediatrice di tutte le   Grazie.
La Madonna potentissima Intercessora di tutte le Grazie.
La Madonna Regina della Pace e Madre della Famiglia.
La Madonna coLei che porta a Gesù nostro Dio, nostra Vita e Salvezza Eterna.

La Madonna è Mamma, porta del Cielo.

inviateci le vostre testimonianze

L'interessato letta l'informativa sotto riportata accetta espressamente la registrazione ed il trattamento dei propri dati che avverrà premendo il tasto 'Invia'.
Leggi l'informativa ai sensi dell'art. 13 del D.lgs 196/03

LA VITA E' UN PELLEGRINAGGIO

LA VITA E' UN PELLEGRINAGGIO

LE PREGHIERE DI LIBERAZIONE SI POSSONO FARE

Addio, arrivederci don Giuseppe Capra. Grazie per tutto quello che hai fatto sulla terra per aiutare i sofferenti nello spirito. Grazie per i tuoi preziosi consigli e la tua grande Fede .

Addio, arrivederci don Giuseppe Capra. Grazie per tutto quello che hai fatto sulla terra per aiutare i sofferenti nello spirito. Grazie per i tuoi preziosi consigli e la tua grande Fede .

Fede e determinazione Santa, ti ha contraddistinto. Generosa operosità nell'Aiuto ai sofferenti nello spirito.

Grande sostegno e consolazione per tantissime anime che si rivolgevano al tuo ministero. Esorcista e sacerdote con tanta tanta Fede. Punto di riferimento per tanti sofferenti hai dato tutto te stesso fino all'ultimo.  Prega sempre il buon Gesù, che possa sollevare dai tormenti, i tanti uomini e donne che soffrono di mali spirituali e diabolici. Grazie don Giuseppe per i tuoi preziosi consigli intercedi presso il Padre per tutti noi.Amen ..

SANTA MESSA IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MARIANA 
NELL'ANNO DELLA FEDE

OMELIA DEL SANTO PADRE FRANCESCO

Piazza San Pietro
Domenica, 13 ottobre 2013

Video
Galleria fotografica

 

Nel Salmo abbiamo recitato: “Cantate al Signore un canto nuovo, perché ha compiuto meraviglie” (Sal 97,1).

Oggi siamo di fronte ad una delle meraviglie del Signore: Maria! Una creatura umile e debole come noi, scelta per essere Madre di Dio, Madre del suo Creatore.

Proprio guardando a Maria, alla luce delle Letture che abbiamo ascoltato, vorrei riflettere con voi su tre realtà: prima,Dio ci sorprende; seconda, Dio ci chiede fedeltà; terza, Dio è la nostra forza.

1. La prima: Dio ci sorprende. La vicenda di Naaman, capo dell’esercito del re di Aram, è singolare: per guarire dalla lebbra si rivolge al profeta di Dio, Eliseo, che non compie riti magici, né gli chiede cose straordinarie, ma solo fidarsi di Dio e di immergersi nell’acqua del fiume; non però dei grandi fiumi di Damasco, ma del piccolo fiume Giordano. E’ una richiesta che lascia Naaman perplesso, anche sorpreso: che Dio può essere quello che chiede qualcosa di così semplice? Vuole tornare indietro, ma poi fa il passo, si immerge nel Giordano e subito guarisce (cfr 2 Re 5,1-14). Ecco, Dio ci sorprende; è proprio nella povertà, nella debolezza, nell’umiltà che si manifesta e ci dona il suo amore che ci salva, ci guarisce, ci dà forza. Chiede solo che seguiamo la sua parola e ci fidiamo di Lui.

Questa è l’esperienza della Vergine Maria: davanti all’annuncio dell’Angelo, non nasconde la sua meraviglia. E’ lo stupore di vedere che Dio, per farsi uomo, ha scelto proprio lei, una semplice ragazza di Nazaret, che non vive nei palazzi del potere e della ricchezza, che non ha compiuto imprese straordinarie, ma che è aperta a Dio, sa fidarsi di Lui, anche se non comprende tutto: “Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola” (Lc 1,38). E’ la sua risposta. Dio ci sorprende sempre, rompe i nostri schemi, mette in crisi i nostri progetti, e ci dice: fidati di me, non avere paura, lasciati sorprendere, esci da te stesso e seguimi!

Oggi chiediamoci tutti se abbiamo paura di quello che Dio potrebbe chiederci o di quello che ci chiede. Mi lascio sorprendere da Dio, come ha fatto Maria, o mi chiudo nelle mie sicurezze, sicurezze materiali, sicurezze intellettuali, sicurezze ideologiche, sicurezze dei miei progetti? Lascio veramente entrare Dio nella mia vita? Come gli rispondo?

2. Nel brano di san Paolo che abbiamo ascoltato, l’Apostolo si rivolge al discepolo Timoteo dicendogli: ricordati di Gesù Cristo, se con Lui perseveriamo, con Lui anche regneremo (cfr 2 Tm 2,8-13). Ecco il secondo punto: ricordarsi sempre di Cristo, la memoria di Gesù Cristo, e questo è perseverare nella fede; Dio ci sorprende con il suo amore, ma chiede fedeltà nel seguirlo. Noi possiamo diventare “non fedeli”, ma Lui non può, Lui è “il fedele” e chiede da noi la stessa fedeltà. Pensiamo a quante volte ci siamo entusiasmati per qualcosa, per qualche iniziativa, per qualche impegno, ma poi, di fronte ai primi problemi, abbiamo gettato la spugna. E questo purtroppo, avviene anche nelle scelte fondamentali, come quella del matrimonio. La difficoltà di essere costanti, di essere fedeli alle decisioni prese, agli impegni assunti. Spesso è facile dire “sì”, ma poi non si riesce a ripetere questo “sì” ogni giorno. Non si riesce ad essere fedeli.

Maria ha detto il suo “sì” a Dio, un “sì” che ha sconvolto la sua umile esistenza di Nazaret, ma non è stato l’unico, anzi è stato solo il primo di tanti “sì” pronunciati nel suo cuore nei suoi momenti gioiosi, come pure in quelli di dolore, tanti “sì” culminati in quello sotto la Croce. Oggi, qui ci sono tante mamme; pensate fino a che punto è arrivata la fedeltà di Maria a Dio: vedere il suo unico Figlio sulla Croce. La donna fedele, in piedi, distrutta dentro, ma fedele e forte.

E io mi domando: sono un cristiano “a singhiozzo”, o sono un cristiano sempre? La cultura del provvisorio, del relativo entra anche nel vivere la fede. Dio ci chiede di essergli fedeli, ogni giorno, nelle azioni quotidiane e aggiunge che, anche se a volte non gli siamo fedeli, Lui è sempre fedele e con la sua misericordia non si stanca di tenderci la mano per risollevarci, di incoraggiarci a riprendere il cammino, di ritornare a Lui e dirgli la nostra debolezza perché ci doni la sua forza. E questo è il cammino definitivo: sempre col Signore, anche nelle nostre debolezze, anche nei nostri peccati. Mai andare sulla strada del provvisorio. Questo ci uccide. La fede è fedeltà definitiva, come quella di Maria.

3. L’ultimo punto: Dio è la nostra forza. Penso ai dieci lebbrosi del Vangelo guariti da Gesù: gli vanno incontro, si fermano a distanza e gridano: “Gesù, maestro, abbi pietà di noi!” (Lc 17,13). Sono malati, bisognosi di essere amati, di avere forza e cercano qualcuno che li guarisca. E Gesù risponde liberandoli tutti dalla loro malattia. Fa impressione, però, vedere che uno solo torna indietro per lodare Dio a gran voce e ringraziarlo. Gesù stesso lo nota: dieci hanno gridato per ottenere la guarigione e solo uno è ritornato per gridare a voce alta il suo grazie a Dio e riconoscere che Lui è la nostra forza. Saper ringraziare, saper lodare per quanto il Signore fa per noi.

Guardiamo Maria: dopo l’Annunciazione, il primo gesto che compie è di carità verso l’anziana parente Elisabetta; e le prime parole che pronuncia sono: “L’anima mia magnifica il Signore”, cioè un canto di lode e di ringraziamento a Dio non solo per quello che ha operato in lei, ma per la sua azione in tutta la storia della salvezza. Tutto è suo dono. Se noi possiamo capire che tutto è dono di Dio, quanta felicità nel nostro cuore! Tutto è suo dono. Lui è la nostra forza! Dire grazie è così facile, eppure così difficile! Quante volte ci diciamo grazie in famiglia? E’ una delle parole chiave della convivenza. “Permesso”, “scusa”, “grazie”: se in una famiglia si dicono queste tre parole, la famiglia va avanti. “Permesso”, “scusami”, “grazie”. Quante volte diciamo “grazie” in famiglia? Quante volte diciamo grazie a chi ci aiuta, ci è vicino, ci accompagna nella vita? Spesso diamo tutto per scontato! E questo avviene anche con Dio. E’ facile andare dal Signore a chiedere qualcosa, ma andare a ringraziarlo: “Mah, non mi viene”.

Continuando l’Eucaristia invochiamo l’intercessione di Maria, perché ci aiuti a lasciarci sorprendere da Dio senza resistenze, ad essergli fedeli ogni giorno, a lodarlo e ringraziarlo perché è Lui la nostra forza. Amen

 

 * * *

 

ATTO DI AFFIDAMENTO A MARIA

 

Beata Maria Vergine di Fatima,
con rinnovata gratitudine per la tua presenza materna
uniamo la nostra voce a quella di tutte le generazioni 
che ti dicono beata.

Celebriamo in te le grandi opere di Dio,
che mai si stanca di chinarsi con misericordia sull’umanità,
afflitta dal male e ferita dal peccato,
per guarirla e per salvarla.

Accogli con benevolenza di Madre
l’atto di affidamento che oggi facciamo con fiducia,
dinanzi a questa tua immagine a noi tanto cara.

Siamo certi che ognuno di noi è prezioso ai tuoi occhi
e che nulla ti è estraneo di tutto ciò che abita nei nostri cuori.

Ci lasciamo raggiungere dal tuo dolcissimo sguardo
e riceviamo la consolante carezza del tuo sorriso.

Custodisci la nostra vita fra le tue braccia:
benedici e rafforza ogni desiderio di bene;
ravviva e alimenta la fede;
sostieni e illumina la speranza;
suscita e anima la carità;
guida tutti noi nel cammino della santità.

Insegnaci il tuo stesso amore di predilezione
per i piccoli e i poveri,
per gli esclusi e i sofferenti,
per i peccatori e gli smarriti di cuore:
raduna tutti sotto la tua protezione 
e tutti consegna al tuo diletto Figlio, il Signore nostro Gesù.

Amen.

 

PREGHIERA

PREGHIERA

le vostre richieste

L'interessato letta l'informativa sotto riportata accetta espressamente la registrazione ed il trattamento dei propri dati che avverrà premendo il tasto 'Invia'.
Leggi l'informativa ai sensi dell'art. 13 del D.lgs 196/03

Straordinario Pellegrinaggio Spirituale..la vita

Straordinario Pellegrinaggio Spirituale..la vita

L'aiuto di Maria.

Lei ci prende per mano e ci accompagna nel cammino di Fede e l'incontro con Gesù.

....Tutto nelle sue mani.

Oggi come ieri la minaccia....è in agguato.
La Madonna ci invita a vivere vicino al Signore Gesù. 
Vivere in Preghiera, con i Sacramenti, La Parola di Dio, in Grazia di Dio. 
Ascoltiamo la Mamma Maria.
Mamma ti affidiamo l'umanità intera.
Preghiamo.....

Maria Madre di Dio, ti preghiamo, proteggi la Santa Chiesa e il popolo di Dio. Noi ti Amiamo Gesù.

Maria Madre  di Dio, ti preghiamo,  proteggi la Santa  Chiesa e il popolo di Dio. Noi ti Amiamo Gesù.

è Gesù!

è Gesù!

Chi non accoglie gli amici di Gesù, non accoglie.......Gli uomini faticano ad accettare la Verità di Gesù. La Spiritualità è in ognuno di noi, ma aprire il cuore all'Amore (che è di Dio) dipende dalla nostra volontà e accettazione.

VANGELO (Mt 10,34- 11,1)
Sono venuto a portare non pace, ma spada.
+ Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli:
«Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; sono venuto a portare non pace, ma spada. Sono infatti venuto a separare l'uomo da suo padre e la figlia da sua madre e la nuora da sua suocera; e nemici dell'uomo saranno quelli della sua casa.
Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me; chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me; chi non prende la propria croce e non mi segue, non è degno di me.
Chi avrà tenuto per sé la propria vita, la perderà, e chi avrà perduto la propria vita per causa mia, la troverà.
Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato.
Chi accoglie un profeta perché è un profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto perché è un giusto, avrà la ricompensa del giusto.
Chi avrà dato da bere anche un solo bicchiere d'acqua fresca a uno di questi piccoli perché è un discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa».
Quando Gesù ebbe terminato di dare queste istruzioni ai suoi dodici discepoli, partì di là per insegnare e predicare nelle loro città.
Parola del Signore.

Essere Apostoli del Signore Gesù.

Essere Apostoli del Signore Gesù.

VANGELO (Lc 10,1-12 .17-20)
La vostra pace scenderà su di lui.
Dal Vangelo secondo Luca
In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi.
Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada.
In qualunque casa entriate, prima dite: "Pace a questa casa!". Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all'altra.
Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: "È vicino a voi il regno di Dio". Ma quando entrerete in una città e non vi accoglieranno, uscite sulle sue piazze e dite: "Anche la polvere della vostra città, che si è attaccata ai nostri piedi, noi la scuotiamo contro di voi; sappiate però che il regno di Dio è vicino". Io vi dico che, in quel giorno, Sòdoma sarà trattata meno duramente di quella città.
I settantadue tornarono pieni di gioia, dicendo: «Signore, anche i demòni si sottomettono a noi nel tuo nome». Egli disse loro: «Vedevo Satana cadere dal cielo come una folgore. Ecco, io vi ho dato il potere di camminare sopra serpenti e scorpioni e sopra tutta la potenza del nemico: nulla potrà danneggiarvi. Non rallegratevi però perché i demòni si sottomettono a voi; rallegratevi piuttosto perché i vostri nomi sono scritti nei cieli».
Parola del Signore.

Regina della Pace

Regina della Pace
Messaggio del 2 luglio 2013 (Mirjana)      
 
Cari figli, con amore materno vi prego di donarmi i vostri cuori perché io possa presentarli al mio Figlio e liberarvi, liberarvi da tutto quel male che vi rende sempre più schiavi e vi allontana dall'unico Bene - mio Figlio, da tutto ciò che vi guida sulla via sbagliata e vi toglie la pace. Io desidero guidarvi verso la libertà delle promesse di mio Figlio perché desidero che qui si compia completamente la volontà di Dio, perché attraverso la riconciliazione con il Padre Celeste, il digiuno e la preghiera nascano apostoli dell'amore di Dio, apostoli che liberamente e con amore diffonderanno l'amore di Dio a tutti i miei figli, apostoli che diffonderanno l'amore fiducioso nel Padre Celeste e apriranno la porta del cielo. Cari figli, offrite ai vostri pastori la gioia dell'amore e del sostegno così come il mio Figlio ha chiesto a loro di offrirlo a voi. Vi ringrazio.

CASA DI SPIRITUALITA' MAGNIFICAT 5 GIORNI € 255 + 15 ASSICURAZIONE

CASA DI SPIRITUALITA' MAGNIFICAT  5 GIORNI  € 255 + 15 ASSICURAZIONE

Pellegrinaggio Medjugorje da Torino 

Casa di Spiritualità Magnificat della veggente Marija  

 quota di partecipazione € 255 + 15  assicurazione completa.

Partenza da Torino e altri punti di salita lungo il percorso. 

Programma Spirituale, Collina delle apparizioni, monte Krizevac visita alle Comunità del luogo,

incontro con i veggenti se presenti e altro ancora.
Guida e assistenza  spirituale/Sacerdote (se disponibile)
 Gruppo di Preghiera, cammino di Fede.
Pellegrinaggi per tutti, con Maria.
www.pellegrinaggitorino.it

Ecco il Signore Dio viene con potenza

Ecco il Signore Dio viene con potenza

Isaia 40

1 «Consolate, consolate il mio popolo,
dice il vostro Dio.
2 Parlate al cuore di Gerusalemme
e gridatele
che è finita la sua schiavitù,
è stata scontata la sua iniquità,
perché ha ricevuto dalla mano del Signore
doppio castigo per tutti i suoi peccati».
3 Una voce grida:
«Nel deserto preparate
la via al Signore,
appianate nella steppa
la strada per il nostro Dio.
4 Ogni valle sia colmata,
ogni monte e colle siano abbassati;
il terreno accidentato si trasformi in piano
e quello scosceso in pianura.
5 Allora si rivelerà la gloria del Signore
e ogni uomo la vedrà,
poiché la bocca del Signore ha parlato».
6 Una voce dice: «Grida»
e io rispondo: «Che dovrò gridare?».
Ogni uomo è come l'erba
e tutta la sua gloria è come un fiore del campo.
7 Secca l'erba, il fiore appassisce
quando il soffio del Signore spira su di essi.
8 Secca l'erba, appassisce il fiore,
ma la parola del nostro Dio dura sempre.
Veramente il popolo è come l'erba.
9 Sali su un alto monte,
tu che rechi liete notizie in Sion;
alza la voce con forza,
tu che rechi liete notizie in Gerusalemme.
Alza la voce, non temere;
annunzia alle città di Giuda: «Ecco il vostro Dio!
10 Ecco, il Signore Dio viene con potenza,
con il braccio egli detiene il dominio.
Ecco, egli ha con sé il premio
e i suoi trofei lo precedono.
11 Come un pastore egli fa pascolare il gregge
e con il suo braccio lo raduna;
porta gli agnellini sul seno
e conduce pian piano le pecore madri».
12 Chi ha misurato con il cavo della mano le acque del mare
e ha calcolato l'estensione dei cieli con il palmo?
Chi ha misurato con il moggio la polvere della terra,
ha pesato con la stadera le montagne
e i colli con la bilancia?
13 Chi ha diretto lo spirito del Signore
e come suo consigliere gli ha dato suggerimenti?
14 A chi ha chiesto consiglio, perché lo istruisse
e gli insegnasse il sentiero della giustizia
e lo ammaestrasse nella scienza
e gli rivelasse la via della prudenza?
15 Ecco, le nazioni son come una goccia da un secchio,
contano come il pulviscolo sulla bilancia;
ecco, le isole pesano quanto un granello di polvere.
16 Il Libano non basterebbe per accendere il rogo,
né le sue bestie per l'olocausto.
17 Tutte le nazioni sono come un nulla davanti a lui,
come niente e vanità sono da lui ritenute.
18 A chi potreste paragonare Dio
e quale immagine mettergli a confronto?
19 Il fabbro fonde l'idolo,
l'orafo lo riveste di oro
e fonde catenelle d'argento.
Si aiutano l'un l'altro;
uno dice al compagno: «Coraggio!».
Il fabbro incoraggia l'orafo;
chi leviga con il martello incoraggia chi batte l'incudine,
dicendo della saldatura: «Va bene»
e fissa l'idolo con chiodi perché non si muova.
20 Chi ha poco da offrire
sceglie un legno che non marcisce;
si cerca un artista abile,
perché gli faccia una statua che non si muova.
21 Non lo sapete forse? Non lo avete udito?
Non vi fu forse annunziato dal principio?
Non avete capito
le fondamenta della terra?
22 Egli siede sopra la volta del mondo,
da dove gli abitanti sembrano cavallette.
Egli stende il cielo come un velo,
lo spiega come una tenda dove abitare;
23 egli riduce a nulla i potenti
e annienta i signori della terra.
24 Sono appena piantati, appena seminati,
appena i loro steli hanno messo radici nella terra,
egli soffia su di loro ed essi seccano
e l'uragano li strappa via come paglia.
25 «A chi potreste paragonarmi
quasi che io gli sia pari?» dice il Santo.
26 Levate in alto i vostri occhi
e guardate: chi ha creato quegli astri?
Egli fa uscire in numero preciso il loro esercito
e li chiama tutti per nome;
per la sua onnipotenza e il vigore della sua forza
non ne manca alcuno.
27 Perché dici, Giacobbe,
e tu, Israele, ripeti:
«La mia sorte è nascosta al Signore
e il mio diritto è trascurato dal mio Dio?».
28 Non lo sai forse?
Non lo hai udito?
Dio eterno è il Signore,
creatore di tutta la terra.
Egli non si affatica né si stanca,
la sua intelligenza è inscrutabile.
29 Egli dà forza allo stanco
e moltiplica il vigore allo spossato.
30 Anche i giovani faticano e si stancano,
gli adulti inciampano e cadono;
31 ma quanti sperano nel Signore riacquistano forza,
mettono ali come aquile,
corrono senza affannarsi,
camminano senza stancarsi.

 

DOMENICA PELLEGRINAGGIO PADOVA S. ANTONIO - CARAVAGGIO - ROSA MISTICA

DOMENICA PELLEGRINAGGIO PADOVA S. ANTONIO - CARAVAGGIO - ROSA MISTICA

PELLEGINAGGIO  CON IL SACERDOTE DI 1 GIORNO A PADOVA BASILICA DI S. ANTONIO - CARAVAGGIO - BRESCIA (ROSA MISTICA).

BUS G.T. DA TORINO E ALTRI PUNTI DI SALITA DURANTE IL PERCORSO

QUOTA DI PARTECIPAZIONE 25 EURO

Simone e Ilenia sposi

Simone e Ilenia sposi

Te Deum....Meraviglioso Dio

GIORNATA DI PREGHIERA CENACOLO DI MARIA CUORE DI MISERICORDIA

 GIORNATA DI PREGHIERA CENACOLO DI MARIA CUORE DI MISERICORDIA

 

Ogni 1° Giovedì del mese e 3° Venerdi del mese.

 Anno in Preghiera Adorando e Ringraziando Gesù.

Chiesa della SS. Annunziata  a Torino in via Po 45 alle ore 15,00

Siamo invitati a partecipare con i Sacerdoti per incamminarci con la Preghiera

in questo Anno della Fede con Gesù e Maria

Preghiamo per le vocazioni Sacerdotali e Religiose, per la Chiesa, per i sofferenti nel corpo e nello spirito, per la liberazione e la guarigione dei più tribolati, per le anime del purgatorio, per la conversione dei peccatori, per le famiglie, per la Pace, per tutte le nostre intenzioni, per un Mondo migliore, per la Santità degli uomini.

In cammino di conversione per la salvezza eterna.

Preghiamo...............Maria che ci guidi e ci accompagni a Gesù.

PAROLE SANTE. PAROLE DI GESù

CHI NON E' CON GESù E' CONTRO GESù

CHI NON E' CON GESù E' CONTRO GESù

ABBIAMO BISOGNO DI ASCOLTARE . ASCOLTARE LA PAROLA DEL SIGNORE. PAPA FRANCESCO 

Gesù

scrivete le vostre intenzioni di preghiera

L'interessato letta l'informativa sotto riportata accetta espressamente la registrazione ed il trattamento dei propri dati che avverrà premendo il tasto 'Invia'.
Leggi l'informativa ai sensi dell'art. 13 del D.lgs 196/03